Privacy Policy

 

ARI Busto Arsizio: founded: July 1994 - On Web since November 2nd, 1998 - Last update (dd-mm-yyyy): 04/04/2022. A.R.I. is the official branch of the I.A.R.U. for Italy

 

Home La Sezione Contatti Diplomi Servizi

 

Per quanto i Radioamatori non siano usi fare politica, come esser umani non è possibile rimanere indifferenti a quanto sta succedendo in Ucraina dove è in atto una vera e propria guerra di aggressione che sta causando morti, feriti e milioni di profughi, donne e bambini che hanno dovuto lasciare tutto per salvare le proprie vite. Chi pone in essere un'aggressione armata non ha mai ragione. Nel portare la nostra solidarietà al popolo e ai colleghi ucraini, auspichiamo che le armi tacciano al più presto e che si possa risolvere ogni cosa con il dialogo e il buon senso. Una escalation della violenza porterà solo effetti negativi non per una parte o l'altra, ma per tutti gli abitanti di questo sfortunato pianeta. I tragici conflitti del secolo scorso evidentemente non hanno insegnato nulla. Abbiamo già tanti guai, non abbiamo bisogno di ulteriori problemi dovuti essenzialmente alla bramosia di potere e all'arroganza di chi crede di potere disporre del mondo come se fosse di sua proprietà, facendo valere la legge del più forte.

Ricordiamo le parole di Einstein:

"Non so con quali armi sarà combattuta la terza guerra mondiale ma so con quali sarà combattuta la quarta: arco e frecce"

 

Sezione A.R.I. di Busto Arsizio

Sede: Via Antonio Pozzi 5,

Posta: C.P. 125, 21052 Busto Arsizio VA

Cod. 21.05  -  ASC-L06

 

Informazioni

Il nostro socio e sponsor: CSY & SON SRL a Socio Unico, Importatore e Distributore Yaesu Musen Co. ltd, Via G. Marconi, 7 - 21030 Azzio (VA) - ITALY - Tel.: +39 0332 631331 (601). Nella foto: l'ultimo gioiellino arrivato in Sezione: lo Yaesu FTDX10

 

Sezione BBLogger release 1.0.5.8 b.002 (Feb. 22nd 2022)

 

In questa sezione troverete tutto ciò che attiene al nostro programma di log elettronico gratuito per Radioamatori e SWL. Versione corrente: 1.0.5.9 built 001 del 22 ottobre 2021. All about our free logging software for OM and SWL in this section, Current release: 1.0.5.8 built 001 of Oct. 22nd 2021.

DAI-day 2020 del 3 ottobre 2020

Risultati e Classifiche

Nel 2021 per problemi organizzativi il DAI-day non si è tenuto.

Vi diamo appuntamento per

sabato 1° ottobre 2022

 

Gratis la targa per te - Free for you Registration Car Plates (jpg pictures)

CLICK HERE !

Vi piace questa targa? Ne volete una con il vostro call (immagine JPG)? E' GRATIS! Cliccate sulla targa o sul link. la dimensione reale è di 1000 x 226 pixels, 1000 x 500 per i modelli americani. Do you like this car plate? Would you like one with your Callsign (JPG picture) FREE? 76 Countries available! All European Countries plus: Algeria, Argentina, Armenia, Australia, Azerbaijan, Bonaire, Brazil, Canada (all Provinces), Chile, French Overseas Departments, Georgia, Indonesia, Israel, Japan, Kazakhstan, Kyrghyzstan, Morocco, New Zealand, Russian Fed., Tajikistan, Turkmenistan, Uruguay, U.S.A. (all 50 States + DC, Puerto Rico Northern Mariana, US. Virgin Islands, Guam and American Samoa) and Uzbekistan. It's a gift from us to all OM, YL and SWL over the world, just according with HAM Spirit. All pictures are hand-made with Photoshop, no JAVA scripts or something else.

Sezione D.A.I.

In questa sezione troverete tutto quanto attiene al nostro Diploma di punta, il Diploma delle Abbazie Italiane.

All about Italian Abbeys Award in this section.

 

 

 Attenzione: Yahoo ha chiuso i gruppi, per cui il Gruppo DAI-news è migrato su https://groups.google.com iscrivetevi con l'apposita procedura. Se incontrate difficoltà nell'iscrizione mandate una mail a ik2vuc[at]aribusto.it (sostituire [at] con @)

 
 
 

Chi sono i Radioamatori? E come si diventa Radioamatori?

I Radioamatori sono persone che hanno la passione della Radio e delle Radiocomunicazioni. Per questo però occorre conseguire una Patente, analoga a quella che serve per guidare un'auto o un'imbarcazione, ed una Licenza di Esercizio di Stazione Radioamatoriale, oggi chiamata Autorizzazione Generale. Molti li confondono con i CB, ma ci sono differenze sostanziali: per la CB non è richiesta alcuna Patente o Autorizzazione, ma solo un certificato che viene rilasciato sempre dallo stesso ente, e consente di operare solo su una fetta di frequenza nei 27 MHz e con potenze limitate a 5W, per questo è chiamata CB, Citizen Band, o Banda Cittadina.  Molti di noi hanno cominciato proprio con la CB e successivamente hanno conseguito la Patente e l'Autorizzazione di Radioamatore.

Ma vediamo come si diventa Radioamatori step by step.

Cominciamo col dire che in Italia l'attività di Radioamatore è disciplinata dal Decreto Legislativo del 1° agosto 2003, nr. 259, Allegato 26, successivamente modificato dal Decreto del 1° marzo 2021, che contiene tutto quello che serve sapere sull'argomento, vi consigliamo di scaricarlo cliccando QUI.

Primo passo: ottenere La Patente di Radiooperatore

Questo documento viene rilasciato dal Ministero dello Sviluppo Economico (Ex Ministero delle Comunicazioni) previo esame di Radiotecnica e di Legislazione sulla materia. QUI potete scaricare il modulo per richiedere di partecipare ai prossimi esami. Il programma di esame lo trovate nel Decreto del 1° marzo. Se siete in possesso di un titolo di studio tra quelli previsti all'art. 5 del Decreto del 1° marzo potete essere esentati dalla prova di Radiotecnica e sostenere solo quella di Legislazione. Una volta in possesso della Patente...

Secondo passo: ottenere il Nominativo

Per questo si deve inoltrare la domanda per ottenere il Nominativo Radioamatoriale (o Identificativo di Chiamata) al Ministero dello Sviluppo Economico, QUI potete scaricare il relativo modulo di richiesta. Il ministero ve lo assegnerà entro 30 giorni. Il Nominativo è strutturato in modo tale da identificare il Radioamatore in tutto il mondo. Ottenuto il Nominativo...

Terzo passo: richiedere l'Autorizzazione Generale

Sempre al MiSE va rivolta la domanda di Autorizzazione Generale e QUI trovate il relativo modulo per la richiesta. L'A.G. ha durata di 10 anni e 60 giorni prima della scadenza bisogna richiedere il rinnovo, pena la decadenza della Autorizzazione, utilizzando lo stesso modulo per la richiesta della A.G. e specificando che si tratta di rinnovo.  Finalmente, una volta in possesso dell'Autorizzazione, si potrà cominciare a trasmettere sulle nostre bande.

Per chi si reca all'estero: i Radioamatori dei Paesi che aderiscono alle Raccomandazioni CEPT T/R-61-01 e T/R-61-02 possono trasmettere da un altro Paese che aderisce alle stesse raccomandazioni liberamente, ovvero senza alcun documento rilasciato dal Paese ospitante, per un periodo massimo di tre mesi. Si veda la pagina web http://www.ari.it/praticaoperativa/1733-licenza-di-radioamatore-cept.html   La Licenza CEPT, dapprima costituita da un semplice timbro sulla Licenza, oggi è un Attestato vero e proprio che integra l'Autorizzazione. Chi non lo possiede lo può richiedere al Ministero dello Sviluppo Economico con la procedura prevista in questo documento. Il documento sarà inviato in forma telematica se possedete una PEC, altrimenti dovrete seguire le indicazioni previste nel modulo di richiesta per ottenerlo in forma cartacea. Se la permanenza all'estero supera i tre mesi bisognerà richiedere alle Autorità del Paese dove ci si reca una licenza temporanea per stranieri, e in questo caso non vi possiamo dare informazioni perché le modalità di rilascio variano da Paese a Paese.

Autorizzazione all'ascolto

Se  non vuoi affrontare questi esami ma vuoi ugualmente entrare in questo affascinante mondo, puoi diventare SWL, che significa Short Waves Listener, ossia un ascoltatore autorizzato sulle nostre frequenze, che sono per lo più in onde corte. Anche se non commetti alcun reato ascoltando le comunicazioni sulle bande radioamatoriali, per poter chiedere le QSL di conferma e ottenere i Diplomi Radioamatoriali, che di solito sono accessibili anche agli SWL, ti servirà ugualmente un Nominativo, che sarà diverso da quello di Radioamatore, ma che comunque ti darà la possibilità di interagire con i Radioamatori. Per questo basta una richiesta al Ministero utilizzando QUESTO MODULO e il MiSE ti rilascerà un indicativo di ascolto. In qualità di SWL potrai ugualmente iscriverti all'A.R.I. e godere del servizio QSL e di tutti gli altri servizi. Vuoi saperne di più?  CONTATTACI !

DOMANDE FREQUENTI

Ma quanto lontano si può arrivare?

Una domanda che ci sentiamo spesso fare è fino a che distanza arrivano le nostre onde. La risposta potrà sorprendere: le onde radio (almeno alcune di esse) possono tranquillamente arrivare agli antipodi (20.000 Km) e oltre, nel senso che spesso si contattano Paesi per "via lunga" ovvero girando l'antenna dalla parte opposta a quella in cui normalmente si stabilirebbe il contatto con quel Paese. Questo è dovuto al fenomeno della propagazione che fa in modo che alcune frequenze che utilizziamo possano rimbalzare sulla ionosfera, uno strato dell'atmosfera ionizzato dall'attività solare, e sul mare o sulla terraferma, superando così con diversi balzi la curvatura della Terra. Altri tipi di onde, come ad esempio quelle della Televisione o dei telefonini, non subiscono questo fenomeno, e pertanto occorrono dei ripetitori per fare in modo che i segnali possano superare gli ostacoli e la curvatura terrestre, oppure si deve ricorrere ai satelliti ripetitori geostazionari.

Ma cosa vi dite?

Altra domanda che ci viene posta spesso. In genere le conversazioni con altri radioamatori si limitano ai dati essenziali, il rapporto di ascolto che viene codificato con dei numeri che rappresentano l'intensità del segnale, la sua comprensibilità e il tono della nota per i segnali Morse o altri tipi digitali di emissione, il nome, la località da cui si sta trasmettendo, e poi a volte anche qualche informazione sulle apparecchiature che si stanno usando, ricetrasmettitore, antenna, potenza di emissione, e per finire talvolta anche dati meteorologici della località dove ci troviamo. I contatti radio possono avvenire in fonia, ovvero con la voce, e solitamente si usa la lingua inglese, a meno che non si contatti un altro radioamatore italiano o che parla la nostra lingua, oppure in CW, con il codice Morse, o mediante il Computer che può codificare e decodificare segnali anche molto deboli che generalmente non sarebbero sufficienti per condurre una conversazione a voce. A volte però ci si ritrova solo per fare quattro chiacchiere tra amici, che in questo caso possono essere distanti anche diverse centinaia o perfino migliaia di chilometri.

Cosa sono i Diplomi Radioamatoriali?

Sono dei certificati, in carta, pergamena, anche metallo, oppure telematici inviati come PDF da stampare in proprio, rilasciati da enti e associazioni a seguito del completamento di un percorso che richiede dei contatti radio con diverse stazioni radioamatoriali o ascolti nel caso si tratti di SWL. Questi percorsi sono svariatissimi e costituiscono le "regole del gioco".

Facciamo un esempio: tra i Diplomi sponsorizzati dall'ARI c'è il WAIP, che significa Worked All Italian Provinces, e viene assegnato per contatti o ascolti con altri Radioamatori che si trovano nelle varie Province italiane, collezionandole in questo modo. I contatti o gli ascolti devono essere provati, quindi il nostro corrispondente ci manderà una cartolina, chiamata QSL, che contiene i dati del nostro contatto, o QSO, come è detto nel nostro "gergo", oppure dell'ascolto (HRD da heard) per gli SWL, e noi faremo altrettanto con lui. A proposito, essere soci A.R.I. significa anche poter inoltrare tutte le cartoline QSL che vogliamo, senza limiti e senza ulteriori spese postali, dal momento che vengono raccolte in Sezione e inviate ai "Bureaux" nazionale e internazionale, che confezionano i pacchi diretti alle altre Sezioni italiane il primo, e ai Bureaux degli altri Paesi il secondo, realizzando così uno scambio di cartoline fra i vari Radioamatori in tutti i Continenti, e il costo è compreso nella quota associativa! Al raggiungimento del numero minimo di province previsto dal regolamento WAIP potremo richiedere il certificato. Detto così può sembrare semplice, ma la radio non è un telefono in cui basta fare il numero e si parla con chi si vuole. La radio è una sfida, a volte la propagazione non ci aiuta, a volte in alcune province scarseggiano proprio i radioamatori, o non sono facilmente collegabili dalla posizione geografica in cui siamo. E' questo il bello dell'attività radioamatoriale, dove niente è scontato e talvolta si hanno grandi soddisfazioni, come quando si butta lì una chiamata senza pretese, un CQ, e ti rispondono dall'altro capo del mondo. E tra i radioamatori non ci sono  confini o ideologie, anche se talvolta gli eventi ci travolgono come travolgono tutti i cittadini. A proposito CQ, pronunciato "si kiu", è una sigla che deriva dall'inglese seek you, che si pronuncia alla stessa maniera e significa "sto cercando te".

In questo sito tutte le informazioni relative a persone sono pubblicate con il consenso delle medesime, secondo la direttiva europea GDPR sulla privacy. Chiunque è libero in ogni momento di revocare questo consenso e chiedere la rimozione delle informazioni pubblicate. Leggi l'informativa completa (Policy) QUI

 

CONDIZIONI METEO DETTAGLIATE A BUSTO ARSIZIO (tnx Lele IK2RGT)

Scarica il Manuale "Etica e procedure operative per il Radioamatore" clicca QUI

our visitors provenience since August 23, 2009:

 

free counters

 

IP